Come arrivare  
Seleziona un itinerario dalla mappa {{directionsToLabel}}
{{currentWaypoint.label}}

Il giardino glaciale degli Orridi di Uriezzo

Baceno (VB), Italia
TDA Logo
Difficoltà
Tecnica
Esperienza
Paesaggio
Lunghezza (Km): 6,5
Tempo: 2 h 00
Altitudine di partenza (m): 665
Altitudine di arrivo (m): 665
Dislivello (m): 238
Periodo: aprile-ottobre

Descrizione

Punto di partenza:    

Baceno (VB), Italia

Come arrivare:    

In treno: stazione di Domodossola, Ferrovie dello Stato. Orari: http://www.trenitalia.com/; www.ffs.ch
Autobus: bus per Baceno, linea Domodossola – Cascata del Toce. Orari: www.vcoinbus.it
In auto: autostrada A26 in direzione di Gravellona Toce; seguire la SS 33 Gravellona Toce – Sempione, uscita Valle Antigorio Formazza, seguire la SS 659 della Valle Antigorio Formazza fino a Baceno.

Caratteristiche generali:    

Il tratto di Valle Antigorio compreso tra Premia, Baceno e Verampio, dal punto di vista geologico e morfologico, è stato caratterizzato da un'imponente azione di modellamento operata dai ghiacciai e dai torrenti che ha lasciato segni grandiosi e complessi, come raramente nelle Alpi si possono osservare. Una serie di pannelli divulgativi aiuta nella lettura e nell’interpretazione dei fenomeni geologici e morfologici.

Il percorso:    

Dalla fermata dell’autobus, attraversando il paese di Baceno, si raggiunge la Chiesa di San Gaudenzio, Monumento Storico Nazionale. Si imbocca la mulattiera in pietra a lato della chiesa, costeggiando la parete rocciosa su cui la chiesa è edificata, ricca di grandi cristalli di granato. Si percorre la mulattiera fino alla piana di Verampio, raggiungendo il ponte ad arco sul torrente Devero. Prima del ponte svoltare a sinistra, su pista sterrata. Dopo circa 800 metri, a Maiesso, il Toce è attraversato da un ponte che permette di osservare dall’alto l’affioramento dell’Elemento zero, l'elemento tettonico più profondo conosciuto delle Alpi, e le spettacolari forme erosive circolari delle Marmitte dei Giganti, dovute all’azione vorticosa dei torrenti subglaciali. Senza attraversare il ponte si prosegue ancora sulla pista fino all’ingresso dell’Orrido Sud: lungo oltre 200 metri, e profondo tra i 20 e i 30 metri, è attrezzato con scale metalliche.
Superato l’Orrido Sud la strada continua fino all’Oratorio di Santa Lucia. Il piccolo Orrido Est si apre nelle vicinanze di una baita in sasso. All’uscita, a sinistra, un sentiero conduce a Uriezzo. Da qui si continua lungo la mulattiera fino alla deviazione per l’Orrido Ovest, da percorrere in discesa, fino a riprendere il sentiero nel bosco. Lungo il sentiero si incontra un grande masso erratico abbandonato dall’antico ghiacciaio. Dopo breve cammino si riprende nuovamente la mulattiera per Baceno.

Notizie utili:    

A chi rivolgersi per informazioni e visite didattiche specializzate per le scuole:
Laboratorio geologico G.B. Castiglioni (Centro Visite Parco veglia Devero, Crodo), www.areeprotetteossola.it (sezione L’azione del Parco, Educazione Ambientale) – tel + 39 0324 72572, mail info@areeprotetteossola.it 

Posti di ristoro:    

Ristorante Pizzeria Campagna, Frazione Verampio, 1 - 28861 Baceno (VB), Tel: +39 0324 62349 campagna@vcomia.com
Agriturismo "Il Piccolo Ranch", Frazione Verampio - 28862 Crodo (VB), Tel. +39 380 8625678, il.piccolo.ranch@live.it

Dove dormire

Nei dintorni

{{count}}/{{totalCount}} Carica altri