Come arrivare  
Seleziona un itinerario dalla mappa {{directionsToLabel}}
{{currentWaypoint.label}}

Verbania: tra paesaggi d'acqua e giardini paradisiaci

TDA Logo
Difficoltà
Non definito/a
Tecnica
Non definito/a
Esperienza
Non definito/a
Paesaggio
Non definito/a
Lunghezza (Km): 6,00
Tempo: 2 ore
Altitudine di partenza (m): Non definito/a
Altitudine di arrivo (m): Non definito/a
Dislivello (m): Non definito/a
Periodo: Non definito/a

Descrizione

Punto di partenza:   

Verbania – frazione Suna (VB), Italia

Come arrivare:    

In treno: stazione di Verbania-Pallanza, Ferrovie dello Stato. Orari: www.trenitalia.it; www.ffs.ch. Dalla stazione ferroviaria partono gli autobus per Verbania. Orari: www.vcoinbus.it
In auto: autostrada A26 in direzione Gravellona Toce, uscita Baveno. Da qui in direzione Verbania S.P.167 fino a Fondotoce e poi S.S.34 del Lago Maggiore fino a Verbania località Suna.

Caratteristiche generali:    

Percorso cittadino che attraversa le principali località di Verbania, toccando i maggiori punti di interesse.

Il percorso:    

Il percorso parte dal lungolago di Suna, frazione di Verbania, ricco di magnolie e ligustri, da cui si gode una splendida vista sul Golfo Borromeo e le Isole. Sul lungolago si trova la Chiesa di San Fabiano, risalente al XII secolo, nota per la presenza di un'incisione detta “tavola mulino”. Poco oltre si trova anche la Chiesa di Santa Lucia, del XVI secolo. Proseguendo si giunge a Pallanza dal cui lungolago, tra i più belli del Lago Maggiore, è possibile ammirare l'Isolino di San Giovanni, parte dell'arcipelago delle Isole Borromeo. Arturo Toscanini scelse di risiedere in questo "luogo di pace e d'ospitalità" dal 1927 al 1952. Nella parte finale del lungolago si incontra Villa Giulia, una splendida villa ottocentesca voluta nel 1847 da Bernardino Branca, al cui interno e nel circostante parco vengono allestite tutto l'anno esposizioni temporanee d’arte. Nel centro storico di Pallanza si trova il Museo del Paesaggio che ospita collezioni di pittura, scultura, archeologia e un’interessante sezione di religiosità popolare dedicata agli “ex-voto”. Sempre all'interno, sul colle della Castagnola, si trova Villa San Remigio, al centro di un grande parco e delimitata a sud dall'antica chiesa romanica di San Remigio. Tornando quindi sulla pista ciclabile che costeggia il lago, si giunge a Villa Taranto, i cui giardini meravigliosi, conosciuti in tutto il mondo, richiedono qualche ora di tempo per essere visitati.
Usciti da Villa Taranto, sempre costeggiando il lago, si arriva alla frazione Intra, vivace centro turistico ricco di strutture ricettive e servizi, che deve il suo nome alla stretta collocazione tra i due torrenti San Bernardino e San Giovanni. Intra conserva ancora oggi alcune tracce delle proprie origini medievali lungo le principali vie, come via San Vittore, che dal lungolago porta alla omonima Chiesa, con dipinti del XV e XVI secolo; via San Fabiano, che conduce a piazza Castello; e vicolo del Freschetto, che porta alla bella piazza San Rocco. Il nuovo porto è punto di partenza alla volta delle destinazioni italiane e svizzere del Lago Maggiore.
Con una deviazione che allontana decisamente dall'itinerario principale e porta al confine interno di Pallanza, si può raggiungere la chiesa di Madonna di Campagna, in stile rinascimentale, edificata su un preesistente edificio romanico, di cui restano oggi soltanto il campanile e qualche traccia muraria.

Notizie utili:    

Il Museo del Paesaggio ospita un’importante sezione di religiosità popolare distaccata in Palazzo Biumi Innocenti. Per informazioni su quest’ultima: Fondazione P.G.R.: www.pergraziericevute.it
Per raggiungere altre destinazioni italiane e svizzere del Lago Maggiore: www.navigazionedeilaghi.it

Nei dintorni

{{count}}/{{totalCount}} Carica altri