Il Rinascimento di Gaudenzio Ferrari

Legenda
Le attrazioni più visitate Cultura e tradizione Natura e Avventura Musica e spettacolo Sport Famiglie e bambini Devozione Cosa si mangia? Relax Siti Unesco E se piove?

Programma

La mostra dal titolo "Il Rinascimento di Gaudenzio Ferrari", dedicata al più importante esponente del Rinascimento in Piemonte, sarà visitabile a partire dal 23 marzo 2018. La mostra, suddivisa nelle sedi di Varallo, Vercelli e Novara, approfondisce la grandezza di un pittore dal linguaggio semplice e teatrale che ha lasciato sul territorio piemontese la parte più importante della sua produzione artistica.

Il percorso espositivo sarà diviso cronologicamente su tre sedi: si partirà dalla Pinacoteca di Varallo, per proseguire con la sezione ospitata presso l’Arca di Vercelli e concludere il percorso al Broletto di Novara.

A Varallo viene affrontato il primo tratto della carriera dell’artista, dagli anni di formazione alle prove del Sacro Monte, a Vercelli la stagione della maturità e a Novara gli anni estremi, tra la marea montante del Manierismo. 

Da Varallo parte il primo tempo della mostra, radicato nella cultura tardo quattrocentesca. Il percorso comprende il patrimonio artistico lasciato dall’artista in città al Sacro Monte di Varallo, nella Chiesa di Santa Maria delle Grazie, nella Collegiata di San Gaudenzio e nella Cappella della Madonna di Loreto.

La mostra continua con la sezione ospitata a Vercelli, dove viene sviluppata la stagione della maturità di Gaudenzio. Il percorso in città prosegue con le opere dell’artista presenti nella Chiesa di San Cristoforo: la Pala della Madonna degli Aranci, le tele dedicate agli evangelisti e il ciclo di affreschi che la decorano.

A Novara, nella terza sezione della mostra, sono raccontati gli anni estremi dell’attività dell’artista, tra la marea montante del Manierismo. In città si possono ammirare le opere dell’artista nella Basilica di San Gaudenzio e nella Cattedrale di Santa Maria Assunta.

"Il Rinascimento di Gaudenzio Ferrari" coinvolgerà, dal 23 marzo al 1 luglio 2018, le tre città del Piemonte estendendosi, al di là delle sedi espositive, in chiese ed edifici delle città e del territorio, dove sono presenti affreschi e altre opere del Maestro. Per la sede di Varallo è prevista la proroga fino al 16 settembre 2018.